“Approvato un piano straordinario di assunzioni e investimenti sul personale sanitario. È una risposta forte da parte dello Stato che avrà un impatto rilevante sulla nostra capacità di fronteggiare l’emergenza. Dobbiamo continuare a lavorare ogni giorno per garantire il diritto alla salute a tutti. Voglio però essere chiaro: questo sforzo non sarà sufficiente senza l’impegno di ogni singolo cittadino a rispettare le raccomandazioni che abbiamo diffuso. È questa la cosa più importante per vincere la sfida”.

Responsabilità individuale è la linea guida che può contribuire ad arrestare il contagio. Sono giorni, settimane, in cui tutti siamo chiamati a collaborare per affrontare nel modo più adeguato l’epidemia. Nuove modalità di lavoro per questo periodo possono aiutarci anche a scoprire o a ri-scoprire ritmi, relazioni, progetti di più ampio respiro che in un prossimo futuro potrebbero offrirci nuove possibilità.

Se non strettamente necessario, rimaniamo a casa, ma non in un’ottica coercitiva, ma mettendo in modo le nostre conoscenze, le nostre competenze per tutti i settori che ci vedono agire in prima persona: lavoro, famiglia, relazioni. Non soccombere all’immobilità, ma agire anche tra le pareti di casa per ri-pensare ogni sfera sociale, relazionale, lavorativa. Nuove forme di solidarietà.

#iorestoacasa“ ma il lavoro non si ferma, siamo tutti chiamati ad agire, anche a porte chiuse.

Invitiamo a scaricare le CORONA VIRUSnuove indicazioni del Ministero della Salute

 

 

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PRENOTA IL TUO EVENTO